Progetto IPA 2016

Nel corso dell’anno 2016 la Chiesa Valdese ha finanziato (come da bilancio) il progetto IPA dando la possibilità di avviare un’attività stabile di supporto degli italiani reclusi all’estero.

Su richiesta dello stesso ente erogatore, il sito di ACT è stato aggiornato con la predisposizione di una pagina ad hoc relativa al progetto, in modo che sia più facile reperire le informazioni circa l’attività offerta da ACT in favore degli italiani reclusi all’estero.

Il numero di persone seguite dal progetto è esiguo: si tratta di un detenuto in Colombia e di uno in Spagna.

Per quanto riguarda il detenuto in Colombia, la situazione è molto complicata e ha reso necessaria l’individuazione di canali di dialogo stabili tra Ministero della Giustizia (con l’indicazione di un nuovo referente interno al Ministero),  quello degli Esteri e l’ Ambasciata d’Italia a Bogotà.

I rapporti con la famiglia del detenuto sono stabili e volti al superamento delle difficoltà di comunicazione con le autorità competenti e alla comprensione della posizione giuridica e delle condizioni di detenzione.

Il detenuto Argentino, con passaporto italiano, in carcere in Spagna, invece, è in carico al progetto in virtù della richiesta di trasferimento in Italia attuata dallo stesso. La sua situazione è meno complicata dal punto di vista giuridico ma deve fare i conti con le lungaggini di attuazione della normativa relativa al trasferimento dei detenuti. 

Collaboratore: 
dr.ssa Ravagnani